Dietro le quinte di Ernstjetzt, un blog ricco di idee, e dell’omonimo profilo Instagram si nasconde il talentuoso autore e avventuriero Ernst Merkinger.

Il suo motto, affrontare la vita divertendosi ma con serietà, offre buoni spunti d’ispirazione. Per questo motivo abbiamo deciso di invitarlo a raccontaci durante la nostra “Chiacchierata alpina di mattina” che cosa ama della montagna.

#1 Quale significato ha per te la montagna?

La montagna per me è sacra, ha qualcosa di magico che mi attira a lei, forse perché il cammino verso la vetta riesce a tenere a bada le mie emozioni e i morsi della fame. Al termine di un’escursione faticosa, di una sciata o di un tour in bici il mio stomaco sa che ci sarà un rifugio dove potrò ordinare i miei piatti preferiti: il Kaiserschmarrn[dolce dell’imperatore], una minestra di canederli al formaggio oppure un Germknödel[tipico dessert austriaco].

#2 Qual è la tua colazione preferita per caricarti prima di andare in montagna?

Amo molto variare! Dalle uova al tè verde, dal porridge al pane nero tostato con salmone, da un Kaiserschmarrn fatto in casa alle gallette di mais con formaggio di capra o pecora ecc. Mi piace gustare la colazione, svegliandomi presto per avere il tempo di fare tutto quello che serve: ecco come riesco a caricarmi per la giornata che mi aspetta.

 #3 Cosa non può mancare durante un’escursione in montagna?

Una bottiglia piena d’acqua fresca di sorgente. L’iPhone lo si può dimenticare a casa.

#4 Che insegnamento di vita si può trarre dalla montagna?

Sapere quanta forza può sprigionare il silenzio della natura mi ricorda continuamente l’importanza del silenzio e dell’”essere” nel quotidiano, che si impara a sperimentare durante la meditazione (ad es. la meditazione body scan) o lo yoga. Inoltre, mi ricorda che abbiamo l’obbligo di tutelare il nostro paesaggio caratteristico, contrastando il cambiamento climatico ed eliminando i rifiuti in plastica.

#5 Quale esperienza legata alla montagna ti ha segnato maggiormente finora?

L’esperienza più significativa IN ASSOLUTO legata alla montagna la vivrò probabilmente a breve: il 23 e 24 febbraio io, il team di VERIVAL, i vincitori del gioco a premi e Stephan Goergl andremo a Lech am Arlberg per fare una sciata tranquilla lontano dalle piste. Per il resto ci sono stati tantissimi incontri e conversazioni con persone che ho conosciuto durante il mio viaggio da Vienna a Marrakech, dal Großglockner fino al mare di Trieste e che hanno lasciato ricordi indelebili.

#6 E per chiudere, cos’è più importante per te: la vetta o il percorso?

Si tratta di due elementi importanti e tra loro inscindibili. Chiaramente il fatto di raggiungere la vetta è liberatorio. Soprattutto per la vista: mi viene in mente il panorama che si apprezza dallo Schafberg nel Salzkammergut. Devo dire però che anche il percorso e la decisione in sé di mettersi in cammino hanno per me un forte significato.

Chi non conosce ancora Ernst, deve assolutamente recuperare! È diventato famoso nel 2017 grazie al suo pellegrinaggio da Vienna a Marrakech, raccontato via Instagram. Sulle sue esperienze Merkinger ha scritto un libro. Oggi incoraggia migliaia di follower e lettori su Instagram e sul suo blog a intraprendere uno stile di vita sostenibile e consapevole. Ernst non si definisce semplicemente pellegrino: menestrello, seduttore, mattacchione, yogi, amante della meditazione, sciatore, intrattenitore, massaggiatore, uomo in continua evoluzione, escursionista ecc. Il suo blog e la sua pagina Instagram sono davvero da visitare, non una ma dieci volte!